La scomparsa di Sara Sorda, Presidente dell’Istituto

La scomparsa del Presidente

L’Istituto Italiano di Numismatica ha subìto nel corso dell’anno 2022 una grave e dolorosa perdita. E’ venuta a mancare la professoressa Sara Sorda (Torremaggiore 31 agosto 1933 – Roma 10 agosto 2022), Presidente dell’Istituto Italiano di Numismatica dal 2010 fino alla sua scomparsa.

Allieva di Laura Breglia -che dopo le vicende del secondo conflitto mondiale e gli anni della gestione commissariale fu dal 1962 il primo Presidente dell’Istituto – Sara Sorda per quasi sessant’anni è stata con varie funzioni una presenza costante nella vita dell’istituzione e della sua rivista, gli Annali.

Dopo aver collaborato agli inizi degli anni ‘60 alla pubblicazione dei volumi del periodico è entrata a far parte della redazione a metà dello stesso decennio; negli stessi anni nell’IIN ha coadiuvato il Conservatore della Collezione di monete di Vittorio Emanuele III nella cura della raccolta fino al trasferimento di questa dalla sede dell’Istituto al Museo Nazionale Romano.

Nelle varie funzioni ricoperte ha coordinato l’azione e partecipato inoltre attivamente all’opera di monitoraggio, consulenza e riordinamento delle collezioni monetali italiane che costituisce uno dei compiti costitutivi dell’IIN.

Segretaria Generale dell’Istituto Italiano di Numismatica fino al suo passaggio nei ruoli delle università, ne è stata in seguito Direttore Scientifico sotto la Presidenza di Laura Breglia prima e poi dal 1991 di Attilio Stazio; dallo stesso anno 1991 è entrata a far parte del Consiglio Direttivo dell’Istituto.

Ha insegnato nelle Università di Trieste, Perugia, Salerno e infine Viterbo avviando, nelle varie sedi, molti giovani studiosi alla ricerca numismatica.

I suoi interessi scientifici si sono rivolti in particolare alle ricerche di preistoria monetaria e alla circolazione del bronzo nella penisola italica, alla pubblicazione e allo studio dei rinvenimenti monetari. Costante nella sua attività scientifica e istituzionale l’attenzione ai temi della tutela e conservazione del patrimonio numismatico italiano.

La sua scomparsa lascia un grande vuoto scientifico e umano nell’Istituto al quale ha dedicato le sue cure fino alla fine; numerosi i messaggi di cordoglio inviati da esponenti del mondo scientifico: in tutti vengono ricordate con rimpianto la competenza e la curiosità intellettuale di Sara Sorda, la sua grande disponibilità e generosità nelle discussioni scientifiche, la dedizione alle istituzioni, la signorilità del tratto umano.

L’Istituto non mancherà in altra occasione di rendere un omaggio più ampio alla sua Presidente.

*  *  *

Direttore: RENATA CANTILENA
Consiglio direttivo: in attesa di nomina.

Fondato nel 1912 come associazione privata, l’Istituto diventa ente pubblico con sede in Roma per effetto del R.D.L. 3 Febbraio 1936, n.223, convertito in legge con L. 28 maggio 1936, n. 1077.
I compiti assegnatigli dalla legge istitutiva riguardano la promozione e la esecuzione di ricerche nel campo della numismatica, la incentivazione e la realizzazione delle attività relative al settore di competenza.
In questo quadro l’Istituto svolge ricerche, anche in collaborazione con altre istituzioni, e ne pubblica i risultati sia in opere monografiche o miscellanee che nel proprio periodico Annali.

L’Istituto inoltre organizza convegni internazionali su temi interessanti la sua ricerca, e ne pubblica poi gli atti.
Per l’attuazione dei suoi compiti istituzionali l’Istituto collabora anche con le Soprintendenze archeologiche e i Musei, con le Università, con gli enti di ricerca italiani e stranieri.

Nel quadro della collaborazione internazionale, l’Istituto fornisce all’American Numismatic Society la schedatura di quanto viene pubblicato in Italia su argomenti attinenti alla numismatica. Le schede confluiscono nel periodico semestrale, “The Numismatic Literature”, pubblicato a New York.
D’intesa con il Museo “G.Filangieri” di Napoli e con la Commission Internationale de Numismatique, nel 1965 l’Istituto ha creato in Napoli il Centro Internazionale di Studi Numismatici, del cui consiglio direttivo è membro di diritto.

È membro della Commission Internationale de Numismatique, della Unione Internazionale degli Istituti di Archeologia, Storia e Storia dell’Arte in Roma, della American Numismatic Society in New York.

L’Istituto possiede una biblioteca specialistica -ricca di opere e riviste interessanti la numismatica di tutte le età- aperta al pubblico il martedì e il venerdì dalle ore 10,30 alle ore 16,30, previa mail informativa e appuntamento. L’accesso è consentito inoltre in giorni ed orari diversi solo su appuntamento.

L’ingresso è consentito fino ad un’ora e mezza prima della chiusura.

Agli studenti è richiesta una lettera di presentazione del professore con il quale conducono gli studi. Non si effettua il prestito esterno.

E’ disponibile inoltre una fototeca di medaglie che, dal 2024, sarà consultabile attraverso un database collegato al sito dell’Istituto.

Non si effettuano attività di compra-vendita di monete, né operazioni di stima.

Lascia un commento